è vero: torna il PREMIO COLSALVATICO!

bozza nuovo logo i

Dopo la “forzata” interruzione del 2016, torna il Premio. Ottava edizione.  Dal 2002. 

Ha senso, con le difficoltà che viviamo, proporre a Tolentino, nel nostro territorio ferito, il Premio con a tema l’umorismo? 

LANCIAMO LA SFIDA                                                                               premio 2018 poster

Continua a leggere

Annunci

A Tolentino nasce “Fabrica City” – un progetto di sviluppo locale tra saper fare e relazioni.

Al via il progetto “Fabrica City”, un percorso che valorizza la tradizione per trasformarla in innovazione, promosso da una rete di attori pubblici e privati, attivi nel comune di Tolentino e zone limitrofe: Circolo Culturale “Tullio Colsalvatico”, Centro Sperimentale CiSEI, Cooperativa Opera, con il supporto del CSV Marche – Centro Servizi per il Volontariato ed ATS 16 con capofila l’Unione Montana dei Monti Azzurri di San Ginesio.

Fabrica City è il progetto di volontariato che promuove la città (city) del “fare” (fabrica). Un luogo di relazioni che rigenera la comunità maceratese colpita dal sisma attraverso nuovi percorsi di sviluppo locale, la valorizzazione delle tradizioni culturali e la promozione di modelli di sviluppo sobri, ecosostenibili e giusti.
Fabrica City nasce da una rete di attori pubblici e privati, attivi nel Comune di Tolentino e zone limitrofe: Circolo Cult. “Tullio Colsalvatico”, Centro Sperimentale CiSEI, Cooperativa Opera, con il supporto del CSV Marche – Centro Servizi per il Volontariato ed Unione Montana dei Monti Azzurri di San Ginesio – ente capofila dell’Ambito Territoriale Sociale 16.
Fabrica City sarà presto attiva presso l’ex magazzino adiacente alla stazione ferroviaria di Tolentino, locale che le Ferrovie Dello Stato hanno destinato al progetto con contratto di comodato d’uso.
A seguito del recente bando QIP, promosso dal Comitato Sisma Centro Italia, Fabrica City ha ottenuto un finanziamento a fondo perduto pari a € 30.000, estremamente utile per l’avvio dei percorsi formativi. Inizia ora il processo di recupero fondi ed inizio lavori per la riapertura del locale.
L’idea di Fabrica City è quella di promuovere una città ideale, o meglio la “città del fare”. Un villaggio del futuro in cui si costruisce un’economia basata sul saper fare e sulle relazioni costruttive tra individui.
Come in una città, le attività di Fabrica City saranno strutturate in luoghi ideali:
Botteghe: situazioni di incontro volte ad acquisire e trasmettere alle giovani generazioni le tradizioni artigianali attraverso la creazione di una rete costituita da microimprese e piccole e medie imprese fortemente radicate nel territorio. Nelle attività proposte dalle botteghe si rivaluteranno le arti e i mestieri attraverso lo scambio di metodi e tecniche innovative e all’incontro di diverse professionalità competenti;
Campagna: attività per favorire la conoscenza reciproca di agricoltori, commercianti e consumatori con lo scopo di valorizzare la qualità delle produzioni agricole locali, la filiera corta ed una sempre maggiore sovranità agricola. Nelle attività della campagna si  promuove inoltre un consumo critico equo e solidale sia locale sia globale;
Osservatorio: per educare alla bellezza del territorio attraverso lo studio ed il racconto dello stesso. L’osservatorio proporrà azioni di recupero delle aree urbanizzate non sfruttate, ai fini di valorizzare il tessuto urbano e promuovere una politica di riqualificazione a lungo termine;
Piazza: momenti pubblici di formazione e informazione per generare processi creativi. Le capacità e le conoscenze dei promotori del progetto sono messe a disposizione di coloro che entrano in contatto con Fabrica City, il progetto di volontariato dove le relazioni acquisiscono un primato per la ri-generazione del territorio, così affetto dai recenti eventi sismici.

fabrica city staff

fonte e contatti:
http://www.fabricacity.org

Dialoghi Post-Anima

Sabato 10 e domenica 11 marzo a Tolentino si e’ svolto il workshop di scrittura e poesia insieme al grande Davide Rondoni, che a tema aveva proprio l’Anima.

L’anima come essenza del nostro essere e del nostro agire, come lettura della realtà e di ciò che accade, perché e’ la realtà che ci provoca, che smuove la nostra anima e di conseguenza ci rimanda a ciò che siamo e ciò che desideriamo.

Le giornate del workshop ed anche lo spettacolo ANIMA, della nostra amica Giulia Merelli, sono stati occasione di nuovi incontri e approfondimento di conoscenza e bellezza.

Ne sono venute fuori nuove relazioni, e nuove impressioni, come quelle del nostro amico Alessandro Iride Parlato, giovane e bravo attore dello spettacolo ANIMA, che sentiamo il bisogno di ringraziare. Nel suo blog ha dedicato delle bellissime riflessioni sul suo soggiorno a Tolentino, e la sua esperienza presso i container degli sfollati..

Alessandro Iride Parlato

“Ci si sente in difetto con questi rumori di troppo in un ambiente così surreale: il pensiero che questa dimora provvisoria sia il rifugio di centinaia di anime in pena, dall’ intimità violata, private delle loro case da un maledetto terremoto. Sei posto davanti ad una domanda a cui ogni risposta risulterebbe superflua e contraddittoria; perché sei qui?

…Vi e’ comunque tanta buona volontà da parte dei volontari e dalla protezione civile, e anche dagli stessi abitanti di questo “quartiere”. Tutti se non altro condividono la stessa drammatica esperienza ed hanno a cuore il loro futuro e dei loro figli. Infatti quello che sarebbe un ambiente austero, di plastica, è animato dalle voci di chi chiede normalità , insieme alle grasse risate dei bambini in festa (per loro essere fuori di casa corrisponde a fare festa; un esilio forzato dalle proprie dimore diventa abitare un parco giochi al posto del mondo).

Riguardo all’incontro con il workshop di poesia?

L’incontro del workshop comprende la figura di Davide Rondoni in primo luogo e quello della pittrice Valentina. Su Davide posso finalmente sentirmi in un rapporto di fiducia e di reciproco rispetto. Lo trovo fondamentale per la mia formazione. L’ho adottato come modello di riferimento, per l’arguzia e la perspicacia del suo pensiero e della sua pratica poetica. Le sue parole sono fonte di una capacità poetica unica che non avevo mai riscontrato. Valentina invece mi incuriosisce. Il suo modo di porsi e di esprimermi hanno aizzato la voglia di approfondirne i suoi linguaggi.

workshop.jpg

Il workshop con Davide Rondoni organizzato dal Circolo Culturale “T. Colsalvatico”

Saluti-704x469

tutte le foto dello spettacolo ANIMA di Paolo Biancofiore qui

Un ringraziamento particolare a Ludovico Peroni, Davide Rondoni, Fiorella Sampaolo, il Comune di Tolentino, la protezione civile, i simpaticissimi cugini Usman e Moddu, i compagni della 2B3, il guardiano Justin, Paolo Biancofiore (sue sono parte delle foto pubblicate in questo articolo) e chiaramente Giulia Merelli che mi ha condotto in questa esperienza unica.” 

Altri pensieri su ANIMA da chi l’ha vissuta anche in prima persona :

Irene Rapanelli (attrice in Anima): In Anima sento di far parte di un percorso di qualcosa di condiviso. In più sento di avere libertà nell’esprimere me stessa, come avevo dimenticato. Sono uscita dallo spettacolo al Castello arricchita, rafforzata e nutrita dalle emozioni e dagli sguardi di chi ci ha raggiunto in quel bellissimo spazio

Alessandro Parlato (attore in Anima): Ci si lascia visitare, dai luoghi e dalle persone che lo abitano in funzione di uno spettacolo dove al centro c’è una fiamma ardente che brilla nell’anima di ognuno. Le esigenze sceniche richiedono una fabula su cui orientarsi. Nulla toglie però all’attore che anzi, è invitato a intervenire sulla scena per renderla vivificata, altrimenti rischierebbe di essere una sequela di quadri da rappresentare. Rimane indispensabile la struttura come le persone che ogni volta, come la prima volta, si uniscono vicino al focolare di Anima. Ognuno a suo modo restituisce una parte di mondo unica. Spesso diversa, eppure legata con un filo sottilissimo. C’è un’opportunità di incontro infatti non è semplice, a volte addirittura frustrante, ma alla fine rimani e non sai nemmeno cosa ti tenga. C’è una realtà sempre più grande delle opinioni. Alla fine deduci che è per amore. Ora guardi i volti delle persone con occhi nuovi. Riesci a cogliere profonde verità, trovi analogie con il cielo. In quel momento, le tue colpe, le tue fatiche, le tue sofferenze, si riducono a poca cosa, perché ti senti amato. In quel momento il tempo si ferma; la magia del teatro si compie, i corpi convergono, la fiamma brilla sulla scena e il mondo gradisce. Anima è la bellezza che portiamo dentro.

Sergio Borghetti (spettatore): Ho riflettuto sul lavoro. È molto interessante. Coinvolgente per gli attori e gli spettatori. Tutti hanno bisogno di qualcuno che li aiuti a pensare alle questioni fondamentali della vita. Il teatro è come una chiesa, dove possono entrare tutti ed assistere al mistero che accade…

Emanuele Sorichetti (spettatore): questa è la seconda esperienza di Anima per me. È stata – rispetto alla prima – un cazzotto nello stomaco. Devo essere sincero: non ho mai sentito l’esigenza di trovarmi davanti a una trama liscia e piana, da seguire come davanti a uno schermo, perché dal primo gesto, dalla prima battuta sono stato subito tirato dentro, catapultato nella vicenda, coinvolto, invitato ad un’immedesimazione piena e viscerale con il grido di ciascun attore, di ciascuna voce… Quando sei parte di una storia – quella dell’uomo che desidera giorni felici e grida la propria domanda di bene e di aiuto – non ti preoccupi neanche di coglierne precisamente lo svolgimento regolare in una successione narrativa o temporale. In alcuni momenti avevo quasi voglia di intervenire e di fare capolino sulla scena, una scena comunque molto fluida, che non fa sentire allo spettatore la distanza (bello!). L’effetto che Anima produce è silenzio sterminato, un bisogno di fare silenzio dentro di sé, di guardare le cose che si hanno e che si fanno senza darle per scontate, focalizzare le domande, non trascurare le risposte che già ci sono, far entrare pian piano quella bambina vestita di bianco, ma senza pensare che sia sufficiente o che sia la pillola magica capace di guarire il dramma del vivere! Vivessimo anche la realtà così, non saremmo terrorizzati dalle nostre domande esistenziali, ma accompagnati da esse, anche nella normalissima quotidianità! Grazie per l’esperienza che ci avete offerto e grazie a te Giulia per esserti sconquassata e messa in discussione per far risuonare la tua domanda, rintracciabile in controluce dall’itinerario attraverso le stanze.

e noi non possiamo far altro che condividere i pensieri e i ringraziamenti, sopratutto ad Alessandro che ha fatto memoria di questo evento importante per noi e per la città di Tolentino.

Risvegliamo le nostre Anime !

A presto…

La Poesia dell’Anima – Workshop di lettura e scrittura con Davide Rondoni

Siamo pronti per questa grande iniziativa in cui affronteremo la poesia, con due giorni di lavoro insieme a Davide Rondoni e con uno spettacolo che nasce esso stesso dall’affronto “poetico” della vita.
Sabato 10 e domenica 11 marzo a Tolentino
E’ bene iscriversi fin da subito! 


ISCRIZIONI :  (quote comprensive di materiale fornito, partecipazione spettacolo e visite)

Entro il 3 marzo:         € 40  (€ 30 per i soci del Circolo Colsalvatico; €15 per studenti)

Dal 4 al 10 marzo:      € 50  (€ 40 per i soci del Circolo Colsalvatico; €25 per studenti)

Versamenti entro il 3 marzo con bonifico su:

IBAN  IT27 H031 1169 2010 0000 0012  050

dal 4 al 10 marzo anche presso la sede del Circolo Colsalvatico.

Inviare ricevuta con i propri dati (cognome, nome, indirizzo, età, professione) a:

segreteria@colsalvatico.it // whatsapp: 3290833095 // facebook: @circolocolsalvatico

Sono previste agevolazioni per il soggiorno dei non residenti.


lapoesiadellanima

#Davide Rondoni

Davide Rondoni, Forlì 1964, ha pubblicato alcuni volumi di poesia, tra i quali “Apocalisse amore”, Mondadori 2008, “Avrebbe amato chiunque”, Guanda 2003, “Compianto, vita”, Marietti 2001 e “Il bar del tempo”, Guanda 1999, “Rimbambimenti”, Raffaelli 2010, “Si tira avanti solo con lo schianto”, Whyfly 2013, con i quali ha vinto alcuni dei maggiori premi di poesia. E’ tradotto in vari paesi  in volume e rivista. Realizza e collabora a programmi di poesia in tv (Rai, Sky, San Marino rtv e tv2000) e ad alcuni quotidiani come editorialista. Ha fondato e fa parte del Centro di poesia contemporanea dell’Università di Bologna e dirige la rivista clanDestino. Suoi recenti volumi di saggi sono “L’amore non è giusto” CartaCanta 2014, “Nell’arte vivendo”, prose e versi su arte e artisti, Marietti 2012, “Contro la letteratura”, Saggiatore 2011, sull’insegnamento a scuola (in uscita nuova edizione da Bompiani), “Il fuoco della poesia”, Rizzoli 2008, “Non una vita soltanto”, Marietti 2001.

Davide-Rondoni1

Davide Rondoni

Dirige le collane di poesia per Marietti e CartaCanta. Ha diretto eventi e festival di poesia come “Dante09” e “Luce per la poesia” nelle centrali elettriche, ora dirige “il piccolo festival dell’essenziale” a Roma. E’ autore di teatro e di traduzioni da Baudelaire, Rimbaud, Péguy e altri. Ha partecipato a festival internazionali di poesia in molti paesi. In prosa ha pubblicato Gesù, un racconto sempre nuovo, Piemme 2013, Hermann, Rizzoli 2010, I santi scemi, Guaraldi 2003, E se brucia anche il cielo, romanzo di Francesco Baracca guerra e d’amore, Frassinelli, 2014. Se tu fossi qui, San Paolo 2014, premio Andersen per narrativa ragazzi. Sempre per ragazzi ha scritto in versi e prosa. Tiene corsi di poesia presso alcune Università e gruppi di vario genere.

 

***

all’interno del workshop lo spettacolo

ANIMA

a cura di Giulia Merelli con Anime, compagnia teatrale

Il progetto Anima nasce da una proposta dell’attore Giacomo Rosselli, il quale durante una tournèe teatrale in cui abbiamo lavorato insieme, mi ha portato, reputandolo vicino al mio sentire, il testo “Anima” della sua bisnonna Amelia Pincherle Rosselli, drammaturga dell’800.
“Aanimanima” è un testo che può essere vicino al sentire di chiunque sia ricettivo alla vita, poiché dentro è possibile rintracciarvi temi universali, le necessità umane basilari:  un’anima che ha bisogno di essere riconosciuta.
Ma come si fa a incontrare la propria anima, se non partendo da un dolore, da una ferita che ci ricorda che siamo umani?
Sentiamo che l’anima c’è, ma non riusciamo a recuperarla, perché desideriamo subito emanciparci da quella ferita, cominciare a  vivere in una forma libera, dimenticando il passato…Ma come può un’anima tornare ad essere libera, pura, dopo essersi chiusa come un gomitolo aggrovigliato?
Come può tornare a donarsi a chi sappia accoglierla? Un uomo ferito, una donna ferita, che è scandalo per sé e per il mondo, ha ancora la possibilità di un abbraccio?

Parole di Giulia : Io credo che importante per un artista, per ogni essere umano, sia recuperare l’anima, non abbandonarla ai meccanismi del consumo, alla tiepida tristezza dell’abitudine, ma risvegliarla come si risveglia un bambino al mattino fra un canto e la luce del sole, aprendolo al giorno, alla speranza che tutto sia per un disegno

Giulia Merelli

di Qualcuno che ci ama. Che l’arte sia fatta per cercare la Bellezza, per essere felici qui su questa terra, ora, qui, e non da un’altra parte, ma qui, adesso, nel punto in cui siamo, che non sia negazione ma potenziamento della bellezza stessa della vita. Un’arte che sveli la vita. 

 

 

VOTARE SIGNIFICA FARE UNA SCELTA

Si sceglie a scuola , si sceglie a lavoro, si sceglie tra amici e nelle famiglie …

SI SCEGLIE IN POLITICA …

E’ una mossa personale interessata e partecipata per l’espressione di un proprio pensiero importante per la propria vita e quella degli altri.
PERCHÉ VALE LA PENA SCEGLIERE? E NELLA POLITICA COSA SCELGO?

Nel discorso in Piazza del Popolo a Cesena, il 1° ottobre 2017, papa Francesco ha offerto un punto di vista sulla politica che riteniamo decisivo per affrontare la prossima scadenza elettorale. Lo proponiamo a tutti come una ipotesi di lavoro, che ciascuno può verificare nell’incontro e nel dialogo con chiunque. ( volantino-papa-francesco—politica-2018 )

Proprio per agevolare questo dialogo, abbiamo pensato ad un incontro pubblico con alcuni esponenti politici locali, chiedendo loro semplicemente la propria posizione nei confronti della politica.

interverranno:
Martina Cicconetti – MOVIMENTO 5 STELLE
Consigliere Comunale
Francesco Pio Colosi – FRATELLI D’ITALIA
Assessore Famiglia, Politiche Sociali e Salute
Alessandro Massi – TOLENTINO POPOLARE
Assessore Urbanistica e Istruzione
Anna Quercetti – PARTITO DEMOCRATICO
Consigliere comunale

Un dialogo utile a tutti, sopratutto ai giovani che si apprestano a votare per la prima volta… accogliamo l’invito del Papa:

“Invito perciò giovani e meno giovani a prepararsi adeguatamente e impegnarsi personalmente in questo campo, assumendo fin dall’inizio la prospettiva del bene comune e respingendo ogni anche minima forma di corruzione”

VI ASPETTIAMO MARTEDÌ 20 FEBBRAIO ALLE ORE 21.15

presso la Sede del Circolo Colsalvatico 

votare significa fare una scelta

 

 

Riapre il Centro di Aiuto allo Studio

RIPARTE L’AIUTO ALLO STUDIO!
Ci siamo incontrati per decidere se ricominciare anche in questo anno scolastico. Uno di noi ha detto: ” Per me fare il volontario significa incontrare e conoscere nuovi ragazzi e condividere con loro il tempo dello studio cercando di aiutarli e motivarli; alla fine, io ricevo più di quello che do.” Una ragazza ci chiedeva “Quando riaprite?” “Perché?” le abbiamo chiesto: “Perché ho voglia di stare con voi!”
Viviamo l’occasione dell’aiuto allo studio come il ritrovarsi in una casa di amici.
Allora ne vale la pena e ripartiamo.
Il MERCOLEDÌ dalle 16.30 alle 18.30 per studenti di medie e superiori,
il VENERDÌ dalle 16.30 alle 18.30 per i bambini delle elementari,
presso la nostra sede.
Adulti, insegnanti e non, studenti universitari e non:
vi invitiamo ad unirvi a noi in questa avventura affascinante.

AIUTO ALLO STUDIO 2017.18

Oggi S. Francesco, un regalo per la città di Tolentino !

“NACQUE AL MONDO UN SOLE”

San Francesco d’Assisi in Dante Alighieri

È allestita da oggi 4 ottobre, festa di San Francesco, in Piazza Nicolò Mauruzi di Tolentino, la Mostra “nacque al mondo un sole”, realizzata dal Circolo Culturale “Tullio Colsalvatico”, con il contributo della ditta Alma di Tolentino che si è fatta carico della stampa su pannelli rigidi adatti all’esterno. 


La mostra presenta la figura del Santo patrono d’Italia attraverso il Canto XI del Paradiso della Divina Commedia di Dante Alighieri, letto da Franco Nembrini (che ha portato Dante in televisione con le 34 puntate della trasmissione “nel mezzo del Cammin” su TV2000) con immagini riprese principalmente dal ciclo di affreschi di Giotto della basilica di Assisi. 


Attraverso l’arte, un percorso di conoscenza che rende attuale ed interessante per la vita di oggi l’esperienza umana del Santo forse più noto della cristianità. 

 La Mostra è allestita sulla piazza utilizzando le transenne che delimitano lo spazio di sicurezza davanti la chiesa, rendendo sicuramente migliore la vista della facciata parzialmente imbracata, ma anche come auspicio di ripresa della vita sociale della città

 “Quello che tu erediti dai tuoi padri, riguadagnatelo, per possederlo” arriva il Meeting di Rimini 20/26 agosto 2017 !

Questo il tema del Meeting di Rimini che si svolgerà la prossima settimana… ma di quale eredità parliamo ? 

Come dice Emilia Guarnieri, da anni alla guida della manifestazione, “non sarà un Meeting sull’eredità, sul lascito di un passato, ma sul riguadagnare qualcosa che abbiamo già. Il “quello”. Già c’è. Il problema e’ che non ne siamo più consapevoli. E vale per tutti. Come se non ci fosse quasi più nessuno che ha in mano qualcosa che dia senso alla vita”


Il primo passo allora e’ conoscere e capire cosa ci accade intorno … verranno trattati temi come post-verità, diritti, crollo dei valori, i conflitti, le migrazioni, il terrorismo, e ancora … la crisi, economia e occupazione, i giovani .. cosa ci accade in questo che e’ definito un “cambiamento d’epoca” ?

Le parole di Emilia Guarnieri

Noi ci saremo come ogni anno, perché anche noi siamo curiosi di capire cosa significa “riguadagnare un’eredità” oggi come oggi..

Siamo certi che “La realtà quando si incontra e qualunque sia, puo’ diventare un di più per se’. Può rimettere in moto e costruire. Come succede al Meeting”

Vi aspettiamo !!!  Comunicandovi la possibilità di andare con pulman organizzato dai nostri amici di Civitanova Marche per il giorno di martedì 22 agosto .

https://www.meetingrimini.org/core/programmapdf.asp?id_lingua=1&anno=2017


La bellissima mostra sul lavoro spiegata da Giorgio Vittadini:

 “Quello che tu erediti dai tuoi padri, riguadagnatelo, per possederlo” XXXVIII edizione | 20-26 Agosto 2017 | Rimini Fiera|

Presentazione del Meeting di Rimini a Civitanova Marche il 1 agosto 2017 Lido Cluana 

“Quello che tu hai ereditato dai tuoi padri riguadagnatelo per possederlo”

Questo il titolo del meeting 2017 che si terrà ad Agosto a Rimini. Titolo che centra molto anche la condizione di noi tutti e delle nostre genti così segnate dall’evento terremoto. Noi vogliamo, attraverso le immagini del fotografo Colotti, il dialogo con alcuni giovani imprenditori, la proposta di tipicità dei nostri territori, scoprire per poi riguadagnare la ricchezza delle nostre radici e soprattutto del cuore della nostra gente. E poi… tutti a Rimini ad Agosto per vivere un’esperienza in cui si incontrano uomini e storie che hannoal centro il desiderio di costruire assieme.


Vi aspettiamo ! 

Quando i compiti non vanno in vacanza !! 

Ebbene sì ! Noi ci siamo lo stesso, cambia l’orario , cambia il luogo ( per ora ) ma non cambia il nostro modo di stare insieme nell’aiuto allo studio. 

Vi aspettiamo quindi con un calendario estivo per lo svolgimento  dei compiti delle vacanze, presso i MODULI in VIA COLOMBO a TOLENTINO.  

“Quando c’è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri”

Stiamo insieme !